From musician to tenor//Da musicista a tenore

[[The Argentinian tenor Pablo Karaman discovered his tenor voice after training as a musician. In Argentina, he studied composition and orchestral conducting at the University of Córdoba while concurrently studying the contrabass.

After his career as a musician, Karaman decided to dedicate himself to singing and as a consequence to move to Europe. Since 2011 he has been settled in Italy, homeland of his mother.///

Il tenore argentino Pablo Karaman ha scoperto la sua voce di tenore dopo di essersi formato come musicista. In Argentina ha seguito gli studi di composizione e direzione orchestrale presso l’Università Nazionale di Córdoba, affiancato dallo studio di contrabbasso. 

Dopo il suo percorso come musicista Karaman ha deciso di dedicarsi al canto lirico e in seguito si è trasferito in Europa. Dal 2011 risiede in Italia, terra nativa della sua madre.]]


© Giacomo orlando

On stage in Italy and the world//Sul palco in Italia e all'estero

[[Since his 2011 debut, Karaman has performed leading roles in the lirico repertoire: Most recently, he sang the Duke of Mantova in Rigoletto at the Teatro Verdi in Pisa and at the Teatro Sociale in Rovigo under the direction of M° Gianna Fratta and with stage direction by Federico Bertolani. He sang Nemorino in Fernando Botero’s staging of L’Elisir D’Amore in Tbilisi with conductor M° Walter Attanasi, scenography and costumes by Fernando Botero/Victór García Sierra. He was also Nemorino at the National Opera of Iasi, Romania. Karaman was the Duke of Mantova in Rigoletto at the Teatro Bellini di Catania conducted by M° Michelangelo Mazza. At the same theater, he was Percy in Anna Bolena under the baton of M° Antonio Pirolli und stage direction by Marco Carniti. In La Bohème, he sang the part of Rodolfo at the Theater of Bamberg and the Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena. He was Edgardo in Lucia di Lammermoor at the Teatro Massimo Bellini di Catania under the baton of M° Plasson and at the National Theater of Skopje, Macedonia with stage direction by Lev Pugliese. 

Under the baton of M° Daniel Oren, Karaman sang the part of Don Ottavio in Don Giovanni at the Teatro Verdi di Salerno, a role which he repeated at the Municipal Theater of São Paulo, Brazil with stage direction by Pier Francesco Maestrini. At the Teatro Verdi di Trieste, he was Malatestino dell'Occhio in Francesca da Rimini by Zandonai conducted by M° Fabrizio Maria Carminati and with stage direction by Giancarlo del Monaco. He interpreted the role of Pinkerton in Madama Butterfly at the National Theater of Tirana. With the Orchestra of Radio France, he sang the part of the Count of Neipperg in Madame Sans-Gêne by Giordano at the Montpellier Festival conducted by Marco Zambelli. He sang the part of Fenton in Falstaff with stage direction by Ivan Stefanutti and Tamino in the Zauberflöte with stage direction by Enrico de Feo. During his careeer, Karaman has collaborated with renowned stage directors such as Giancarlo del Monaco, Marco Gandini, Gabriele Lavia, Marco Carniti, Pier Francesco Maestrini, Lev Pugliese, Francesco Esposito, Federico Bertolani, and Fernando Botero/Victór García Sierra; and conductors such as Leonard Slatkin, Stefan Anton Reck, Fabrizio Maria Carminati and Daniel Oren.

In concert, Karaman performed with Marcello Giordani and Dimitra Theodossiou conducted by José Cura at the Teatro Bellini di Catania. Alongside Andrea Bocelli, Zucchero and Jovanotti, Karaman performed at the concert Luciano’s Friends under the baton of M° Carminati at the Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena, where he also sang Gli Zingari by Leoncavallo conducted by Alessandro D'Agostini. In the USA, he has appeared at the Dayton Opera in Ohio and at the Vero Beach Opera conducted by M° Anton Coppola.///In pochi anni la sua carriera ha preso volo e si è dedicato al repertorio lirico cantando ruoli importanti tra i quali il Duca di Mantova in Rigoletto, Edgardo in Lucia di Lammermoor, Percy in Anna Bolena, Alfredo in La Traviata, Pinkerton in Madama Butterfly e Rodolfo in La Bohéme.

Dopo il suo debutto nel 2011 Karaman si è esibito nei ruoli principali del repertorio lirico. Ha cantato il Duca di Mantova in Rigoletto al Teatro Verdi di Pisa e al Teatro Sociale di Rovigo sotto la direzione di Gianna Fratta e con regia di Federico Bertolani. Era Nemorino nella produzione de L'Elisir D'Amore a Tblisi con la direzione di Walter Attanasi, la scenografia e costumi di Fernando Botero/ Victór García Sierra. Era anche Nemorino all'Opera Nazionale di Iasi, Romania. Ha interpretato il ruolo del Duca di Mantova in Rigoletto al Teatro Massimo Bellini di Catania sotto la direzione del M° Michelangelo Mazza. Allo stesso teatro era Percy in Anna Bolena sotto la direzione del M° Antonio Pirolli con regia di Marco Carniti. Era Rodolfo in La Bohème al Teatro di Bamberga e al Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena. È stato Edgardo in Lucia di Lammermoor al Teatro Nazionale di Skopje in Macedonia con la regia di Lev Pugliese e al Teatro Massimo Bellini di Catania sotto la direzione del M° Plasson. 

Sotto la direzione del M° Daniel Oren era Don Ottavio in Don Giovanni al Teatro Verdi di Salerno, ruolo che ha replicato al Teatro Municipale di Sao Paolo del Brasile con la regia di Pier Francesco Maestrini. Al Teatro Verdi di Trieste era Malatestino dell'Occhio in Francesca da Rimini di Zandonai sotto la direzione del M° Fabrizio Maria Carminati e con regia di Giancarlo del Monaco. Ha interpretato il ruolo di Pinkerton in Madama Butterfly al Teatro Nazionale di Tirana. Con l’orchestra del Festival de Radio France ha interpretato il ruolo del Conte di Neipperg in Madame Sans-Gêne di Giordano al Festival de Montpellier sotto la direzione di Marco Zambelli. Ha cantato la parte di Fenton in Falstaff con regia di Ivan Stefanutti e Tamino nel Flauto magico con la regia di Enrico de Feo. Nella sua carriera Karaman collaborato con rinomati registi tra i quali Giancarlo del Monaco, Marco Gandini, Gabriele Lavia, Marco Carniti, Ivan Stefanutti, Pier Francesco Maestrini e Francesco Esposito; e direttori d'orchestra come Leonard Slatkin, Stefan Anton Reck, Fabrizio Maria Carminati e Daniel Oren

Si è esibito in concerto con Marcello Giordani e Dimitra Theodossiou diretto da José Cura a Catania. Al Teatro della Fortuna di Fano è stato Fenton in Falstaff con la regia di Ivan Stefanutti. Con Andrea Bocelli, Zucchero e Jovanotti, ha presto parte al concerto Luciano’s Friends sotto la direzione del M° Carminati al Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena, teatro nel quale aveva già interpretato La Bohème e Gli Zingari di Leoncavallo sotto la direzione di Alessandro D'Agostini. Negli Stati Uniti d’America si è esibito in concerto alla Dayton Opera e alla Vero Beach Opera sotto la direzione del M° Anton Coppola.]]


4921222956_c23a009a11_b.jpg

Award-winning//Pluripremiato

[[On Italian national broadcast, he appeared in the television transmission “Mettiamoci all’opera” on Italian Rai Uno, winning the first prize in the competition, which permits him to collaborate with the Luciano Pavarotti Foundation. The soprano Montserrat Caballé has defined his voice as similar to that of Nicolai Gedda and she chose Karaman to perform in a concert organized by her at the Auditorium of Zaragoza, Spain.

At the Marcello Giordani competition he won the prize for the role Fenton in Falstaff. In Germany he was awarded a scholarship by the Richard-Wagner-Verband, an organization with which he continues to collaborate, and he was their guest at the Bayreuth Festival.

///È apparso nella trasmissione televisiva “Mettiamoci all’opera” di Rai Uno aggiudicandosi il primo premio in concorso, che gli ha permesso di collaborare con la Fondazione Luciano Pavarotti. Montserrat Caballé ha definito la sua voce “simile a quello di Nicolai Gedda” e l’ha selezionato per cantare al concerto da lei organizzato all’Auditorio di Zaragoza.

Nel Concorso Marcello Giordani ha vinto il premio al ruolo di Fenton in Falstaff. In Germania è stato premiato della Richard-Wagner-Verband, associazione con la quale continua a collaborare, ed è stato ospite al Festival Internazionale di Bayreuth.]]